G20: siamo al Roma Climate Camp

QUESTA MATTINA LE REALTÀ CHE ANIMANO IL CLIMATE CAMP DI ROMA HANNO BLOCCATO VIA CRISTOFORO COLOMBO, ALL’ALTEZZA DEL MINISTERO DELLA FINTA TRANSIZIONE ECOLOGICA: G20 INADEGUATO RISPETTO A EMERGENZA CLIMATICA

Di seguito il comunicato del ROMA CLIMATE CAMP DURANTE IL G-20 “Quest’oggi come Roma Climate Camp, abbiamo deciso di intervenire, di prendere parola ed alzare la voce, di bloccare questa arteria cittadina e catturare l’attenzione perché quanto si sta decidendo, a porte chiuse e senza agende pubbliche, nel vertice conclusivo del G20 è completamente inadeguato rispetto agli scenari catastrofici che vediamo delineati nel presente e nel futuro su questo questo pianeta. Per questo stiamo bloccando in modo nonviolento via Cristoforo Colombo. Perché è la via che conduce ad un vertice che contestiamo senza appello. Perché è qui che ha sede il Ministero della Transizione Ecologica, che ha dimostrato in questi mesi di essere uno strumento ipocrita nelle mani della élite del fossile che riesce così a mantenere profitti e potere anche quando l’emergenza climatica e i suoi responsabili sono sotto gli occhi di tutt*. Ieri in Canada e Cina, oggi in Sicilia, domani in qualche luogo del mondo.

Siamo qui perché i governi del G20 hanno fallito. Il vertice del G20 sfoggia parole pompose come People Planet and Prosperity, ma dimostra con il proprio agire che l’unico obiettivo è una quarta P, il Profit. Abbiamo la certezza di saper riconoscere la difesa degli interessi del capitale e della finanza nelle scelte politiche del G20, e l’assenza assoluta di ascolto e partecipazione delle comunità interessate siano queste le comunità indigene, le popolazioni di territori fuori dalle 20 nazioni o le stesse comunità dei territori massacrati in decine e decine di anni anche in questa parte del mondo. Il 2 novembre inizierà la COP 26 in Scozia. Gli stessi capi di stato qui presenti si sposteranno lì, e il rischio che il vertice si concluda con l’ennesimo rinvio fatto di promesse non vincolanti e accordi blandi è evidente a tutt* E’ gravissimo. Siamo qui perché c’è una catastrofe da fermare, ma è una catastrofe con nomi e cognomi ben precisi. Siamo arrabbiat*, perchè davanti alle ingiustizie sociali ambientali ed economiche così evidenti in questi ultimi due anni di pandemia, o ti arrabbi, o sei complice. Non partiamo da posizioni ingenue. Sappiamo che anche la più blanda delle ristrutturazioni del sistema logistico e produttivo ha un costo, anche in termini occupazionali e per questo parliamo di necessarie e urgenti riconversioni. Non possiamo condividere una politica che costringe una parte del mondo e/o della società a pagare i costi della parte più ricca. Siamo qui unendoci in solidale sorellanza con chi manifesterà dal 2 novembre a Glasgow per la Cop26. Siamo qui perché è necessario unirsi assieme per sradicare un sistema economico che provoca morte e distruzione ovunque nel mondo.

Ai G20 diciamo: da Roma a Glasgow le vostre soluzioni sono il problema!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...